In attesa di conoscere le nominations agli Annie Awards – gli Oscar del cinema d’animazione – che anticipano i gusti e le scelte che condizioneranno “inevitabilmente” i voti dei membri degli Academy Awards, gli addetti del settore sono convinti che la sfida sarà a tre e in particolare i riflettori saranno puntati sul gioiello dell’animazione “partorito” dalla mente visionaria di Charlie Kaufman, Anomalisa, pronto a sorprendere il pubblico con la sua straordinaria forza emotiva.

Ma vediamo con ordine quali sono i film d’animazione favoriti per gli Oscar 2OI6:

5.The Peanuts Movie (Snoopy & Friends – Il film dei Peanuts), ispirato all’omonima striscia a fumetti creata da Charles M. Schulz. Il racconto animato in grafica computerizzata è letteralmente fedele alla storia e ai punti di forza di questo fumetto, la cui versione cinematografica ha messo d’accordo sia che la critica che ai fans della raccolta.

4.Il Viaggio di Arlo (The Good Dinosaur)realizzato dalla Pixar Animation Studios e distribuito dalla Walt Disney Pictures, uscito in sordina in Italia ha avuto invece molto successo negli States per la sua storia semplice e toccante incentrata sulla figura di un piccolo dinosauro che cerca di superare la tragica morte del padre, mettendosi sulle tracce del sentiero che porta alla sua casa.

3. Quando c’era Marnie, diretto da Hiromasa Yonebayashi e prodotto dallo Studio Ghibli, basato sul romanzo di Joan G. Robinson. Il tocco poetico dell’arte grafica di Miyazaki è evidente già alla prima inquadratura, segno della lezione appresa dal suo migliore allievo, Yonebayashi, che aveva affiancato il maestro dell’animazione nel lungometraggio Arietty- Il mondo segreto sotto il pavimento.

2. Inside Out. Come accade per molti film d’animazione di nuovissima generazione, Inside Out ha una trama semplice ma originale, capace di colpire i più piccoli ma soprattutto gli adulti per i significati dalle molteplici interpretazioni nascosti all’interno di citazioni e omaggi cinematografici. Inside Out realizzato dalla Pixar Animation Studios e distribuito dalla Walt Disney Pictures, è diretto da Pete Docter, che ha permesso a tutti i genitori di spiegare ai propri figli a gestire le proprie emozioni dato che ciascun personaggio rappresenta un’emozione, creato attraverso consulti con psicologi e realizzato con uno specifico aspetto. Infatti Gioia ha le sembianze di una stella, Tristezza ricorda una lacrima, Rabbia è un mattone, Paura assomiglia ad un nervo e Disgusto ad un broccolo

I. Anomalisa è molto di più che un film d’animazione realizzato e diretto da Charlie Kaufman e Duke Johnson, e presentato in concorso alla 72ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia. Il film ruota intorno alla figura di Michael, un famoso oratore motivazionale, che affronta con delusione la mondanità della vita. La toccante forza emotiva del plot realizzato in stop motion va al di là dei canoni del cinema d’animazione classico e rassicurante a cui siamo abituati,aprendo un nuovo orizzonte per questo genere di cinematografia e lasciando intendere che il film sarà preso in considerazione agli Oscar 20I6 anche nelle altre categorie riservate ai film non animati.