Nella notte tra l’8 e il 9 gennaio è prevista la premiazione dei Golden Globe, i famosi premi cinematografici assegnati dalla stampa estera che ogni anno “anticipano” i gusti degli Academy Award. Non è un caso infatti che i Golden Globe siano considerati l’Anticamera degli Oscar

Chi segue l’Award Season sa perfettamente però che i Golden Globe sono solamente la punta dell’iceberg della stagione dei premi che inizia ufficialmente con i Gotham Independent Film Awards e i National Board of Review.

Ma sono soprattutto i Critics’ Choice Movie Awards a rivelarsi dei reali indicatori per gli Oscar dato che 11 volte su 20 edizioni il miglior film ha trionfato agli Academy Awards.In attesa di conoscere il verdetto della stampa estera, scopriamo quali sono i favoriti di quest’anno sulla base dei premi finora assegnati durante l’Award Season.

Nella categoria miglior attore (sezione dramma) il SUPER favorito resta Casey Affleck per Manchester by the Sea dopo aver vinto quasi tutti i premi dell’Award Season nella medesima categoria.

casey-affleck

Nella categoria miglior attore (sezione comedy/musical) la sfida resta aperta tra Ryan Gosling per La La Land che pero non ha ancora vinto nessun premio durante l’Award Season e Hugh Grant per Florence Foster Jenkins che invece ha vinto l’Hollywood Film Awards nella categoria supporter. L’inserimento di quest’ultimo nella categoria lead actor potrebbe favorirlo dato che nella sezione comedy/musical non c’è alcun attore che ha particolarmente colpito la critica americana (una piacevole sorpresa sarebbe far vincere Colin Farrel per il meraviglioso e originale The Lobster)

Nella categoria miglior attrice (sezione dramma) la sfida e’tra Isabelle Huppert per Elle e Natalie Portman per Jackie che si stanno dividendo i principali premi dell’Award Season: la prima ha vinto: il St. Louis Film Critics Award,il  Gotham Independent Film Awards , il New York Film Critic Award, il Los Angeles Film Critic Awards, il Boston On Line Film Critics Award, il New York On Line Film Critics Award, il Boston Society of Film Critics, il Vancouver Film Critics Award, il Florida Film Critics Award, l’Austin Film Critics Award, il Satellite Award, il Seattle Film Critics Award; la seconda ha vinto: l’Hollywood Film Awards, il Dallas-Fort Worth Film Critics, il Chicago Film Critics Awards, il Washington Film Critics AwardCritics’ Choice Movie Awards, il Kansas City Film Critics Awards , il Las Vegas Film Critics Society Award, il Phoenix Critics Circle Award, il Southeastern Film Critics Award, il North Texas Film Critics Award, l’Online Film Critics Society Award

Nella categoria miglior attrice (sezione comedy/musical) la sfida è tra Emma Stone per La La Land che ha già vinto 4 premi assegnati dai critici americani: il Detroit Film Critics Award, l’Utah Film Critics Award, il Phoenix Film Critics Award, il North Carolina Film Critics Award, e Annette Bening per 20 Century Women, che invece ha vinto l’Atlanta Film Critics Society Awards e il Nevada Film Critics Award.

Nella sezione supporter per le categorie miglior attore non protagonista e miglior attrice non protagonista, i SUPER favoriti restano: Mahershala Ali per Moonlight (ma attenzione a Jeff Bridges per Hell or High Water) e Viola Davis per Fences, anche se quest’ultima tallonata da Michelle Williams per Manchester by the Sea.

Se nella categoria miglior film d’animazione la sfida resta aperta tra Kubo e La Spada Magica e Zootropolis (visti i numerosi riconoscimenti assegnati ai due film durante l’Award Season), in quella per il miglior film straniero Toni Erdmann (Germania) non sembra avere rivali (anche se i membri dei Golden Globe potrebbero riabilitare il film francese Elle, escluso ingiustamente dalla semifinale dei 9 prescelti per una candidatura agli Oscar 2017 nella categoria miglior film straniero)

Infine nella categoria miglior film nella sezione (comedy/musical) il super favorito e’La La Land (che dovrebbe portarsi a casa anche il Golden Globe per la miglior canzone orginale) mentre il miglior film nella sezione (drama) resta favorito Moonlight anche se Manchester by the Sea potrebbe batterlo sul filo di lana.

L’unica categoria ancora incerta è quella del miglior regista dove c’è un testa a testa tra Barry Jenkins (Moonlight) e Damien Chazelle (La La Land) considerando che si stanno dividendo i principali premi durante l’Award Season. Infatti Jenkins ha vinto:il National Board of Review, il New York Film Critics Awards , il Dallas-Fort Worth Film Critics, il Chicago Film Critics Awards, il Phoenix Critics Circle Awards, l’Utah Film Critics Awards ,il Southeastern Film Critics Awards, il Los Angeles Film Critic Awards, l’Austin Film Critics Awards, il San Francisco Film Critics Awards, il New York On Line Film Critics Awards, l’Online Film Critics Society Award, il Seattle Film Critics Award.

mentre Chazelle ha vinto: il Boston Society of Film Critics , il  Washington Film Critics Awards, l’ Atlanta Film Critics Society Awards, il Las Vegas Film Critics Awards, il Phoenix Critics Circle, il St. Louis Film Critics Awards, il Detroit Film Critics Awards, l’Indiana Film Journalists Award, il Phoenix Film Critics Award, il Southeastern Film Critics Awards, il Florida Film Critics Awards, il North Texas Film Critics Awards, il North Carolina Film Critics Awards, il Critics’ Choice Movie Awards, il Boston On Line Film Critics Award,l’Oklahoma Film Critics Award, il Central Ohio Film Critics Award.