Con i Washington Film DC Area Critics Association (WFACA) i critici di Washington esprimono il loro punto di vista sulle proposte cinematografiche dell’anno che sta per terminare. Il loro giudizio incide relativamente sull’Award Season dato che su 15 edizioni (il premio è stato inaugurato nel 2002) il vincitore del Washington Film Critics Award come miglior film è stato confermato agli Oscar solo 6 volte: (Il signore degli anelli-Il ritorno del re, Non e’ un paese per vecchi, The millionaire, The Artist,12 anni schiavo, Spotlight). In compenso questo premio come molti altri della critica americana ci consente di fare ancora più luce sui potenziali protagonisti della prossima Notte degli Oscar.

Washington DC Area Film Critics Association awards

Nella passata edizione 7 verdetti decretati dai critici di Washington sono stati poi confermati agli Oscar: miglior regia (Damien Chazelle-La La Land), miglior attore (Casey Affleck-Manchester by the Sea), miglior attrice non protagonista (Viola Davis), miglior attore non protagonista (Mahershala Ali-Moonlight), miglior fotografia, miglior scenografia, miglior colonna sonora conquistati tutti e 3 dal musical La La Land.

1507044700_Blade_Runner_2049

Nell’edizione di quest’anno il maggior numero di riconoscimenti lo hanno ottenuto due pellicole. La prima è Blade Runner 2049 di Dennis Villeneuve che si è portato a casa 3 premi come miglior scenografia, miglior fotografia e miglior colonna sonora attestandosi come l’asso piglia tutto delle categorie tecniche ai prossimi Oscar.

sam rockwell

La seconda è Tre manifesti a Ebbing, Missouri di Martin McDonagh conquistando il premio nelle categorie miglior cast, miglior attrice, miglior attore non protagonista assegnato a Sam Rockwell che tenta così di tallonare il super-favorito nella categoria supporter agli Oscar 2018, e cioè Willem Dafoe per The Florida Project per cui ha già vinto il National Board of Review e convinto i critici di New York, Detroit e Los Angeles.

award season get out

Il premio per il miglior film lo ha vinto però una delle pellicole rivelazioni dell’anno e cioè Get Out di Jordan Peele che ha conquistato anche il premio per la miglior sceneggiatura, confermando il verdetto dei Gotham Awards e dei Los Angeles Film Critics Awards.

frances-mcdormand-awards-season-three-billboards-martin-mcdonagh-backstage.jpg.644x601_q100

Tra le interpretazioni premiate spicca quella di Frances McDormand per Tre manifesti a Ebbing, Missouri dopo aver conquistato il 2° posto ai Los Angeles Film Critics Awards e ottenuto il premio ai Detroit Film Critics Society. Grazie a questi riconoscimenti la McDormand, già premio Oscar per Fargo nel 1997, può aspirare alla sua 5 nomination agli Academy Award tentando così di “intromettersi” nella sfida tra le due favorite dell’Award Season per la categoria miglior attrice e cioè Sally Hawkins per The Shape of Water e Saoirse Ronan per Lady Bird.

Ecco la lista di tutti i vincitori dei Washington Film DC Area Critics Awards:

Best Film:
Get Out

Best Director:
Christopher Nolan (Dunkirk)

Best Actor:
Gary Oldman (Darkest Hour)

Best Actress:
Frances McDormand (Three Billboards Outside Ebbing, Missouri)

Best Supporting Actor:
Sam Rockwell (Three Billboards Outside Ebbing, Missouri)

Best Supporting Actress:
Laurie Metcalf (Lady Bird)

Best Acting Ensemble:
Three Billboards Outside Ebbing, Missouri

Best Youth Performance:
Brooklynn Prince (The Florida Project)

Best Voice Performance:
Anthony Gonzalez (Coco)

Best Motion Capture Performance:
Andy Serkis (War for the Planet of the Apes)

Best Original Screenplay:
Jordan Peele (Get Out)

Best Adapted Screenplay:
Virgil Williams and Dee Rees (Mudbound)

Best Animated Feature:
Coco

Best Documentary:
Jane

Best Foreign Language Film:
BPM (Beats Per Minute)

Best Production Design:
Production Designer: Dennis Gassner;
Set Decorator: Alessandra Querzola (Blade Runner 2049)

Best Cinematography:
Roger A. Deakins, ASC, BSC (Blade Runner 2049)

Best Editing:
Paul Machliss, ACE; Jonathan Amos, ACE (Baby Driver)

Best Original Score:
Hans Zimmer and Benjamin Wallfisch (Blade Runner 2049)