Annunciate le nomination ai SAG Awards (Screen Actors Guild Award), i famosi riconoscimenti cinematografici assegnati annualmente dal sindacato degli attori che rappresenta più di 150.000 attori di cinema e televisione. I SAG Awards spiccano tra i riconoscimenti dell’Award Season perché consentono di capire quali sono gli attori e le attrici più quotati per una nomination agli Oscar. Infatti ogni anno essi “anticipano” le tendenze degli Academy Awards nel comparto attoriale, confermando il verdetto della Notte degli Oscar.

SAG AWARDS

Basti pensare che nella scorsa edizione 3 vincitori su 4 hanno poi vinto l’Oscar nella medesima categoria: miglior attrice (Emma Stone per La La Land), miglior attrice non protagonista (Viola Davis per Fences) e miglior attore non protagonista (Mahershala Ali per Moonlight)

Per quanto riguarda la sezione Cinema le categorie sono 6: miglior cast, miglior attore, miglior attrice, miglior attore non protagonista, miglior attrice non protagonista, miglior stuntman.

MIGLIOR ATTORE

Nella categoria miglior attore confermato il favorito Timothée Chalamet per Call me by your name di Luca Guadagnino dopo aver vinto il New York Film Circle Critics Awards, il Boston Online Film Critics Association Awards, il Los Angeles Film Critcs Association Award e ottenuto la nomination sia agli Independent Spirit Awards che ai Critics Choice Movie Awards,e ai Golden Globe. L’unico che può davvero batterlo è Gary Oldman per il biopic Darkest Hour che ha dalla sua parte i critici di Washington e quelli on line di New York. Confermato rispetto alle previsioni anche James Franco per The Disaster Artist. Snobbati a sorpresa i premi Oscar Daniel Day Lewis per Phantom Thread e Tom Hanks per The Post che avevano entrambi ottenuto la nomination ai Golden Globe.

call-ne-by-your-name-timothee-chalamet

  • Timothée Chalamet – Chiamami col tuo nome (Call Me by Your Name)
  • James Franco – The Disaster Artist
  • Daniel Kaluuya – Scappa – Get Out (Get Out)
  • Gary Oldman – L’ora più buia (Darkest Hour)
  • Denzel Washington – Roman J. Israel, Esq.

MIGLIOR ATTRICE

Nella categoria miglior attrice confermate le tre favorite: Sally Hawkins (The Shape of Water) che ha vinto il premio assegnato dai critici di Los Angeles e Boston,Frances McDormand (Tre manifesti a Ebbing, Missouri) che ha finora vinto il premio dei critici di Detroit, San Francisco, Toronto e Washington; Saoirse Ronan (Lady Bird) che ha vinto il Gotham Awards e il New York Film Critics Awards. Tra le altre candidate confermata anche Margot Robbie (I, Tonya). Snobbata CLAMOROSAMENTE Meryl Streep per The Post nonostante avesse vinto il National Board of Review.

 

 

  • Judi Dench – Vittoria e Abdul (Vittoria & Abdul)
  • Sally Hawkins – La forma dell’acqua – The Shape of Water (The Shape of Water)
  • Frances McDormand – Tre manifesti a Ebbing, Missouri (Three Billboards Outside Ebbing, Missouri)
  • Margot Robbie – I, Tonya
  • Saoirse Ronan – Lady Bird

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

Nella categoria miglior attore non protagonista confermati i due favoriti dell’Award Season: Willem Dafoe (The Florida Project) e Sam Rockwell (Tre manifesti a Ebbing, Missouri). In particolare il primo risulta essere il grande favorito dopo aver vinto quasi tutti i premi della critica americana. Tra gli altri candidati spicca Richard Jenkins (The Shape of Water). Snobbato a sorpresa Armie Hammer (Call me by your name) nonostante la nomination ai Golden Globe, ai Critics Choice Movie Awards, ai Satellite Awards e agli Independent Spirit Awards.

 

 

  • Richard Jenkins – La forma dell’acqua – The Shape of Water (The Shape of Water)
  • Sam Rockwell – Tre manifesti a Ebbing, Missouri (Three Billboards Outside Ebbing, Missouri)
  • Steve Carell – La battaglia dei sessi (Battle of the Sexes)
  • Willem Dafoe – The Florida Project
  • Woody Harrelson – Tre manifesti a Ebbing, Missouri (Three Billboards Outside Ebbing, Missouri)

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

Nella categoria miglior attrice non protagonista confermata la favorita Laurie Metcalf per Lady Bird per cui ha già vinto il National Board of Review, il Washington DC Area Film Critics Association Award, il Boston Online Film Critics Association Award, il Los Angeles Film Critics Association Awards, il Boston of Society Film Critics Awards, il Toronto Film Critics Awards, il San Francisco Film Critics Awards. Tra le altre candidate spiccano l’unica rivale della Metcalf e cioè Allison Janney per I,Tonya, oltre a Mary J.Blidge (Mudbound) e a Hong Chau (Downsizing).Snobbata a sorpresa Octavia Spencer (The Shape of Water) che invece aveva ricevuto la nomination sia ai Golden Globe che ai Critics’ Choice Movie Awards.

  • Mary J. Blige – Mudbound
  • Hong Chau – Downsizing – Vivere alla grande (Downsizing)
  • Allison Janney – I, Tonya
  • Laurie Metcalf – Lady Bird
  • Holly Hunter – The Big Sick – Il matrimonio si può evitare… l’amore no (The Big Sick)

MIGLIOR CAST

Confermato Mudbound che ha già vinto l’Hollywood Film Award,  oltre a Tre manifesti a Ebbing Missouri che ha invece al suo attivo un Washington DC Area Film Critics Award. Snobbato a sorpresa anche in questa categoria The Post che aveva vinto il premio per il miglior cast assegnato dai critici di Detroit.

 

 

  • The Big Sick – Il matrimonio si può evitare… l’amore no (The Big Sick)
  • Scappa – Get Out (Get Out)
  • Lady Bird
  • Mudbound
  • Tre manifesti a Ebbing, Missouri (Three Billboards Outside Ebbing, Missouri)