Stanotte si terrà a Los Angeles la cerimonia della 90esima edizione degli Oscar, che sarà trasmessa in Italia non solo da Sky Cinema Oscar HD ma anche in chiaro su TV8 a partire dalle 22:50 per assistere a tutto quello che succederà sul red carpet. Mentre la cerimonia ufficiale di premiazione inizierà alle 2:00 (ora italiana) e proseguirà fino alle prime luci del mattino.

oscar-2018.jpg

LO SCANDALO DELLE MOLESTIE

Le previsioni di quest’anno potrebbero essere ribaltate dal recente scandalo sulle molestie che ha letteralmente trascinato Hollywood in una spirale di paura e sospetti. In tal senso i movimenti a favore delle donne come #MeToo e #TimesUp e la stessa protesta “in nero” esibita sui red carpet dei Golden Globe e dei BAFTA la dicono lunga sul clima che si respira ad Hollywood in merito al ruolo della donna nello star system e non solo. Su questa lunghezza d’onda il premio per il Miglior film potrebbe andare proprio ad una pellicola che abbia come protagonista una donna magari come l’adolescente in cerca di identità protagonista di Lady Bird, o come la coraggiosa madre di Tre manifesti a Ebbing, Missouri pronta a tutto pur di scoprire l’assassinio di sua figlia.

L’AWARD SEASON

L’Award Season 2018 è stata molto movimentata rispetto a quella dell’anno precedente laddove i principali premi erano contesi da soli tre film (La La Land, Manchester by the Sea, Moonlight). Quest’anno invece il numero delle pellicole a contendersi i premi maggiori sono stati ben 6: Get Out, Chiamami col tuo nome, The Post, The Shape of Water, Tre manifesti a Ebbing Missouri, Lady Bird.

Con i Gotham Awards Get Out e Chiamami col tuo nome sono entrati di diritto nell’Award Season vincendo due premi a testa (quello per il miglior film lo ha vinto però la pellicola di Guadagnino). Verdetto poi confermato dall’annuncio delle nomination agli Independent Spirit Awards laddove il primo ha conquistato 5 nomination e il secondo ben 6. Successivamente i National Board of Review hanno spiazzato tutti tributando ben 3 premi a The Post di Steven Spielberg che però nonostante le 6 nomination ai Golden Globe è stato escluso dai SAG e dai BAFTA per poi conquistare solo 2 nomination agli Oscar.

In un secondo momento l’Award Season è stata rivoluzionata non solo dal trionfo di Lady Bird ai New York Film Critics Circle Awards, ma anche dalle 14 nomination conquistate dal film The Shape of Water ai Critics Choice Movie Awards e soprattutto dai 4 Golden Globe vinti dalla pellicola Tre manifesti a Ebbing Missouri.

A quel punto questi ultimi due film si sono divisi i principali premi: da un lato The Shape of Water ha vinto 4 Critics Choice Movie Awards, il DGA Award e l’importante Producers Guild of America Award assegnato alla migliore produzione dell’anno, dall’altro Tre manifesti a Ebbing, Missouri si è aggiudicato 3 SAG Awards, 3 Satellite Awards e 5 BAFTA.

PREVISIONI

Ma veniamo alle PREVISIONI di quest’anno analizzando CATEGORIA X CATEGORIA, partendo da quelle dove il verdetto sembrerebbe annunciato:

Nella categoria MIGLIOR ATTORE il vincitore annunciato è GARY OLDMAN per L’ora più buia dopo aver già conquistato il SAG Award, il Golden Globe, il Critics Choice Movie Award, il BAFTA e il Satellite Award. L’unico che potrebbe ribaltare questo atteso verdetto è l’outsider Timothee Chalamet per Chiamami col tuo nome già premiato ai New York Film Circle Critics Awards, ai Boston Online Film Critics Association Awards, ai Los Angeles Film Critcs Association Awards, ai Chicago Film Critics Association Awards, ai Phoenix Critics Circle Awards, ai Florida Film Critics Circle Awards, ai Kansas City Film Critics Circle Awards, agli Austin Film Critics Association Awards, ai London Film Critics Circle Awards.

darkest hour

Nella categoria MIGLIOR ATTRICE la favorita è FRANCES MC DORMAND per Tre manifesti a Ebbing, Missouri con cui ha vinto il SAG Awards, il Golden Globe, il Critics Choice Movie Awards, il BAFTA, e convinto i critici di Detroit, Boston, Toronto, San Francisco, Washington, Phoenix, North Texas, Las Vegas, St.Louis e Austin. 

phpThumb_generated_thumbnail

Nella categoria MIGLIOR REGIA il favorito della vigilia è il regista messicano Guillermo Del Toro dopo aver vinto il prestigioso Directors Guild of America Awards assegnato dal sindacato dei registi americani oltre al Golden Globe, al Critics Choice Movie Award, al BAFTA, al Los Angeles Film Critics Association Award, al San Francisco Film Critics Award, al Dallas Fort-Worth Film Critics Association Award, al North Texas Film Critics Association Award, al Las Vegas Film Critics Society Award, al St.Louis Film Critics Association Award, al Southeastern Film Critics Association Award, al Phoenix Film Critics Society Awards, al Kansas City Film Critics Circle Award, al Nevada Film Critics Society Award, all’Alliance of Women Film Journalists EDA Awards, all’Austin Film Critics Association Award. Oltre a quello per la miglior regia The Shape of Waternonostante le 13 nomination, parte favorito solo in altre 2 categorie: MIGLIOR COLONNA SONORA, MIGLIOR SCENOGRAFIA. Di conseguenza potrebbe portarsi a casa tra le 3 e le 4 statuette complessive nel caso vinca anche per il miglior film.

the shape of water

Se nella categoria MIGLIOR COSTUMI parte favorito lo straordinario e impeccabile lavoro di Mark Bridges per Il filo nascosto di Paul Thomas Anderson che ha già vinto per questa categoria il BAFTA e il Critic’s Choice Movie Award (nonostante il Costume Designers Guild Award per un film storico è stato conquistato da Luis Sequeira per il film The Shape of Water), nella categoria MIGLIOR TRUCCO partono favoriti Heather Manson, Kazuhiro Tsuji, Lucy Sibbick per il loro straordinario lavoro nel film L’ora più buia dopo aver già vinto il BAFTA e il Critics Choice Movie Award. Nella categoria MIGLIOR FOTOGRAFIA attesissima la vittoria di Roger Deakins per il suo incredibile lavoro nel film Blade Runner 2049 dopo aver conquistato ben 14 nomination nella sua carriera senza mai riuscire a vincere l’Oscar.

Blade_Runner_2049_Lighting-865x505

Anche nella categoria MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE non ci dovrebbero essere dubbi circa la vittoria del maestro James Ivory per il film Chiamami col tuo nome dopo aver vinto per questa categoria il Writer Guild Award, l’USC Libraries Scripter Award, il San Francisco Film Critics Circle Award, il Chicago Film Critics Association Award, il Las Vegas Film Critics Association Award, il Southeastern Film Critics Association Award, il Kansas City Film Critics Circle Award, il Florida Film Critics Circle Award, l’Annual Online Film Critics Society Award, l’Oklahoma Film Critics Association Award,l’Alliance of Women Film Journalists EDA Award,l’ Austin Film Critics Association Award, il Critics’ Choice Movie Award, il Denver Film Critics Society Award, il BAFTA.

call-me-by-your-name-pic2-e1501628286476

Nella categoria MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE il SUPER favorito è COCO che ha praticamente vinto tutti i premi principali dell’Award Season: dall’Hollywood Film Award al National Board of Review, dal New York Film Critics Circle Award al Golden Globe, dal Satellite Award al Critics Choice Movie Award, dal BAFTA fino alle 11 statuette conquistate agli Annie Awards.

coco--678x381

Nella categoria MIGLIOR MONTAGGIO parte favorito il film Baby Driver dopo aver vinto il BAFTA, il Critics’ Choice Movie Award, il Central Ohio Film Critics Association Award, il Chicago Film Critics Association Award, l’International Online Cinema Award, il Las Vegas Film Critics Society Award, l’Online Film Critics Society Award, il San Diego Filmm Critics Society Award, il San Francisco Film Critics Circle Award, il Washington DC Area Film Critics Asssociation Award, il St. Louis Film Critics Association Award.

baby driver

Se nelle categorie MIGLIOR SONORO e MIGLIOR MONTAGGIO SONORO parte favorito Dunkirk di Cristopher Nolan dopo aver vinto il BAFTA e il Satellite Award, nella categoria MIGLIORI EFFETTI SPECIALI dovrebbe vincere The War – Il pianeta delle scimmie forte della sua vittoria ai Critics’ Choice Movie Awards, agli Hollywood Film Awards e soprattutto ai Visual Effects Society Awards.

Ecco invece le PREVISIONI per quanto riguarda le CATEGORIE ancora incerte nonostante le “indicazioni” dell’Award Season:

Nella categoria MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE sono ben 3 i film favoriti: Tre manifesti a Ebbing, Missouri che ha vinto il Golden Globe, il Satellite Award, il BAFTA oltre all’Osella all’ultimo Festival di Venezia. Inoltre per questa categoria ha conquistato anche il Phoenix Circle Critics Award, il Las Vegas Film Critics Association Award, il Nevada Film Critics Society Award, il London Film Critics Circle Award; Lady Bird che ha già vinto per questa categoria il Boston Society of Film Critics Award, il Dallas Fort-Worth Film Critics Association Award, il Phoenix Circle Critics Award, l’Indiana Film Journalists Association Award, il Seattle Film Critics Society Award, il National Society of Film Critics Award, il Houston Film Critics Society Award; Get Out che ha vinto il Gotham Award, il Critics’ Choice Movie Award, il Writer Guild Award, più 22 premi assegnati dalle associazioni dei critici americani.

sam rockwell

Nella categoria MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA il favorito è SAM ROCKWELL per Tre manifesti a Ebbing, Missouri dopo aver vinto i principali premi dell’Award Season: dal SAG Award al Golden Globe, dal Critics Choice Movie Award al Satellite Award, dal BAFTA all’Hollywood Film Award. L’unico a poter ribaltare questo atteso verdetto è Willem Dafoe per The Florida Project che ha al suo attivo non solo un National Board of Review ma anche un numero esorbitante di premi assegnati dalle associazioni dei critici americani tra cui il Los Angeles Film Critics Association Award, il Washington DC Area Film Critics Association Award, il New York Film Circle Critics Award, il Boston Society of Film Critics Award, il San Francisco Film Critics Award, il Chicago Film Critics Association Award, il National Society of Film Critics Award. A ciò bisogna aggiungere una considerazione di fondo: solitamente le categorie supporter vengono “usate” dagli Academy per omaggiare l’intera carriera di caratteristi che non hanno mai vinto l’Oscar (da James Coburn per Affliction che batte a sorpresa nel 1999 Ed Harris per The Truman Show ad Alan Arkin per Little Miss Sunshine che batte a sorpresa nel 2007 Eddie Murphy per Dreamgirls)

10-janney.w710.h473

Nella categoria MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA la superfavorita è ALLISON JANNEY per I, Tonya dopo aver vinto i principali premi dell’Award Season: il SAG Award, il Golden Globe, il Critics Choice Movie Award, l’Hollywood Film Award, il BAFTA. L’unica a poter ribaltare questo verdetto è Laurie Metcalf per Lady Bird dato che per questo ruolo ha vinto il maggior numero di riconoscimenti conquistando non solo il National Board of Review e l’Annual Online Film Critics Society Award ma anche i premi assegnati dai critici di Washington, Boston, Los Angeles, Toronto, San Francisco, San Diego, Chicago, Phoenix, North Texas, Las Vegas, Indiana, Seattle, Southeastern, St.Louis, Kansas, Vancouver, North Carolina, Oklahoma, Columbus, Iowa e Georgia.

BEST SONG

Nella categoria MIGLIOR CANZONE testa a testa tra Remember Me (musica e testi di Kristen Anderson-Lopez e Robert Lopez) dal film COCO This is Me (musica e testi di Benj Pasek e Justin Paul) dal film The Greatest Showman. Infatti per questa categoria il primo ha vinto il Critics’ Choice Movie Award mentre il secondo si è aggiudicato il Golden Globe.

ATTENZIONE però ogni anno il premio per il miglior film rappresenta un’occasione per Hollywood di far sentire al mondo intero la propria voce su una tematica attuale. Ecco perché questa categoria spesso “sfugge” dalle reali previsioni, rispecchiando di fatto un’esigenza sociale di quel preciso momento storico. Ragion per cui se l’anno scorso con la vittoria di Moonlight Hollywood ha preso una posizione contro le politiche restrittive imposte da Trump, quest’anno il film di Martin McDonagh potrebbe essere la risposta ideale da parte di Hollywood al ruolo che deve avere la donna in una società civile. L’ingiustizia subita dal personaggio interpretato magistralmente dalla McDormand è il paradigma di un’intera generazione di donne costrette a sopportare le rigide e intolleranti regole di una società maschilista.

Ecco la lista di tutte le previsioni per gli Oscar 2018 categoria per categoria:

MIGLIOR FILM: Tre manifesti a Ebbing, Missouri/The Shape of Water

MIGLIOR REGIA: Guillermo Del Toro (The Shape of Water)

MIGLIOR ATTORE: Gary Oldman (Darkest Hour

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA: Sam Rockwell (Tre manifesti a Ebbing, Missouri)

MIGLIOR ATTRICE: Frances McDormand (Tre manifesti a Ebbing, Missouri)

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA: Allison Janney (I, Tonya)

MIGLIOR FILM STRANIERO: The Square (Svezia)/Una donna fantastica (Cile)

MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE: Coco (Pixar)

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE: Tre manifesti a Ebbing, Missouri/Lady Bird

MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE: Call me by your name

MIGLIOR FOTOGRAFIA: Blade Runner 2049

MIGLIOR MONTAGGIO: Dunkirk

MIGLIOR SCENOGRAFIA: The Shape of Water

MIGLIOR COLONNA SONORA: The Shape of Water

MIGLIOR CANZONE: The Greatest Showman/Coco

MIGLIOR TRUCCO E ACCONCIATURA: Darkest Hour

MIGLIORI COSTUMI: Phantom Thread

MIGLIOR MONTAGGIO SONORO: Dunkirk

MIGLIOR SONORO: Dunkirk/Baby Driver

MIGLIOR EFFETTI SPECIALI: War for the Planet of the Apes

MIGLIOR DOCUMENTARIOFaces Places

MIGLIOR CORTO DOCUMENTARIO: Edith+Eddie/Heaven Is a Traffic Jam on the 405

MIGLIOR CORTO ANIMATO: Lou/ Dear Basketball

MIGLIOR LIVE ACTION SHORT: DeKalb Elementary

Annunci