Assegnati i rinomati Phoenix Film Critics Society Awards (PFCS) (da non confondere con i Phoenix Critics Circle Awards) i premi con cui i critici di Phoenix da 18 anni designano le migliori proposte cinematografiche dell’anno appena trascorso. Il loro giudizio ha un peso relativo sull’Award Season dato che su 18 edizioni (il premio è stato inaugurato nel 2000) il vincitore del Phoenix Film Critics Society Award come miglior film è stato poi confermato agli Oscar 10 volte: (Il signore degli Anelli: Il ritorno del re, Non è un Paese per vecchi, The Millionaire, Il discorso del Re, The Artist, Argo, 12 anni schiavo, Birdman, Spotlight, The Shape of Water), il loro punto di vista resta fondamentale per capire i gusti della critica americana sui film favoriti per gli Oscar 2019

Phoenix Film Critics Society Awards

Su questa lunghezza d’onda basti pensare che nella scorsa edizione ben 11 verdetti decretati dai critici di Phoenix sono stati poi confermati agli Oscar: miglior attore (Gary Oldman, L’ora più buia), miglior attore non protagonista (Sam Rockwell) e miglior attrice protagonista (Frances McDormand) per Tre manifesti a Ebbing, Missouri, miglior attrice non protagonista (Allison Janney, I Tonya), miglior film d’animazione (Coco), miglior regia (Guillermo Del Toro, The Shape of Water), miglior fotografia (Blade Runner 2049), miglior montaggio (Dunkirk), miglior colonna sonora (The Shape of Water), miglior scenografia (The Shape of Water), miglior canzone (Coco).

Quest’anno i film che hanno ottenuto il maggior numero di premi e cioè ben 4 a testa, sono:

roma_orig

Roma di Alfonso Cuaron che ha vinto nelle categorie per le quali resta favorito per i prossimi Oscar e cioè quella per la miglior regia, per la miglior fotografia, per il miglior montaggio e per il miglior film straniero.

thumbnail_81452a2b4d92c11a5556ee4a056c947d.jpg

Green Book di Peter Farrelly che oltre a vincere nella categoria miglior sceneggiatura originale si è portato a casa altri 2 premi importanti: miglior attore protagonista (Viggo Mortensen) e miglior film dell’anno, confermando i verdetti dei National Board of Review. Senza dimenticare il 4° Phoenix Film Critics Society Award assegnato al miglior attore non protagonista conferito a Mahershala Ali che con questo premio si attesta come il principale rivale del candidato favorito agli Oscar di questa categoria (Richard E. Grant per Can you Ever Forgive me?). In tal senso Ali ha all’attivo per questo film il Washington Film DC Area Critics Association Award, il Los Angeles Online Film Critics Society Award e il Dallas Fort-Worth Film Critics Association Award.

the-favourite

Segue con 3 premi l’altra pellicola protagonista dell’Award Season, La Favorita, che ha vinto nelle categorie tecniche miglior costumi e miglior scenografia, oltre che in quella della miglior attrice non protagonista (Emma Stone) confermando il verdetto degli Atlanta Film Critics Circle Awards.

img_1_2_4320

Tra le altre migliori interpretazioni spicca il premio assegnato alla miglior attrice conferito a Lady Gaga per A star is born dopo aver vinto per questo ruolo il National Board of Review, il Washington Film DC Area Critics Association Award e il Las Vegas Film Critics Society Award.

Ecco la lista dei vincitori dei Phoenix Film Critics Society Awards 2018:

MIGLIOR FILM: Green Book

MIGLIOR REGIA: Alfonso Cuaron (Roma)

MIGLIOR ATTORE: Viggo Mortensen (Green Book)

MIGLIOR ATTRICE: Lady Gaga (A star is born)

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA: Mahershala Ali (Green Book)

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA: Emma Stone (La Favorita)

MIGLIOR ADATTAMENTO: Can You Ever Forgive me?

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE: Green Book

MIGLIOR CAST: Vice

MIGLIOR DOCUMENTARIO: WON’T YOU BE MY NEIGHBOR?

 MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE: Isle of Dogs

MIGLIOR CANZONE: Shallow (A star is born)

MIGLIOR COLONNA SONORA: First Man

MIGLIOR FOTOGRAFIA: Roma

MIGLIOR MONTAGGIO: Roma

MIGLIOR SCENOGRAFIA: La Favorita

MIGLIOR COSTUMI: La Favorita

MIGLIORI EFFETTI SPECIALI: Black Panther

MIGLIOR ATTRICE RIVELAZIONE: Eight Grade

THE PFCS TOP 10 FILMS OF THE YEAR:

A quiet place

A star is born

American Animals

Black Panther

Green Book

If Beale Street Could Talk

Mary Poppins Returns

Roma

The Favourite

Vice

 

Annunci