Si è conclusa poche ore fa la 72esima edizione del Festival di Cannes inaugurato il 14 maggio con la proiezione della pellicola zombie di Jim Jarmusch, I morti non muoiono (The Dead Don’t Die), per poi concludersi ufficialmente il 25 maggio con la proiezione del film francese The Specials, di Olivier Nakache e Éric Toledano, con protagonisti Vincent Cassel e Reda Kateb

award season cannes 2019

Come ogni anno il Festival di Cannes e poi successivamente quello di Venezia getta le basi o meglio pianta il seme su cui l’Award Season americana farà germogliare i primi frutti. In tal senso i principali competitors della Stagione dei Premi che porterà alla Notte degli Oscar emergono proprio durante questi prestigiosi festival internazionali, con eccezionali casi nelle precedenti kermesse indipendenti come il Sundance Film Festival e il Tribeca Film Festival. In quest’ottica per trovare una convergenza tra i vincitori di Cannes e quelli degli Oscar bisognerebbe concentrarsi nella categoria miglior film straniero (da quest’anno prenderà il nome di Miglior film internazionale) o nello specifico nel Gran Premio della Giuria. Nello specifico analizzando attentamente le nostre statistiche vediamo in che modo questa tesi trova conferma.

cannes oscar

Su questa lunghezza d’onda per ciò che concerne la Competizione ufficiale, e quindi escludendo le sezioni parallele come Un certain regard e la Semaine de la Critique, su 72 edizioni (il Festival è stato inaugurato nel 39′, con una pausa dal 40′ al 46′, e nel 48′ e nel 50′, nel 68′) solo 2 volte il vincitore della Palma d’Oro ha vinto anche l’Oscar per il miglior film (Giorni Perduti di Billy Wilder, Marty, vita di un timido di Delbert Mann). Mentre per quanto riguarda la convergenza con la categoria miglior film straniero, partendo dal 48′ (anno in cui fu istituito il premio Oscar per le pellicole in lingua straniera) 6 volte il vincitore della Palma d’Oro ha vinto successivamente l’Oscar come miglior film straniero: La porta dell’inferno di Teinosuke Kinugasa (Giappone), Orfeo negro (Orfeu negro), regia di Marcel Camus (Brasile/Francia/Italia), Un uomo, una donna (Un homme et une femme), regia di Claude Lelouch (Francia), Il tamburo di latta (Die Blechtrommel), regia di Volker Schlöndorff (Germania Ovest), Pelle alla conquista del mondo (Pelle erobreren), regia di Bille August (Danimarca), Amour, regia di Michael Haneke (Austria).

Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto

Discorso differente per quanto riguarda i vincitori del Gran Prix Speciale della Giuria laddove su 51 edizioni (è stato istituito nel 1967, con una pausa nel 68′, nel 77′) le pellicole che hanno vinto poi l’Oscar sono state 5: Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, regia di Elio Petri (Italia) (miglior film straniero), Nuovo Cinema Paradiso, regia di Giuseppe Tornatore (Italia) (miglior film straniero), Sole ingannatore (Utomlënnye solncem), regia di Nikita Michalkov (Russia) (miglior film straniero), La vita è bella, regia di Roberto Benigni (Italia) (miglior film straniero), Il figlio di Saul, regia di László Nemes (Ungheria) (miglior film straniero).

Di conseguenza anche se la convergenza tra i due premi è decisamente bassa, molti dei film presentati alla Croisette entrano in corsa per gli Oscar riuscendo ad ottenere nomination significative e a primeggiare in alcune categorie diverse dal miglior film. Su questa lunghezza d’onda e quindi scorrendo il palmares di quest’anno vediamo categoria per categoria quali tra questi film possono trasformarsi in reali competitors per gli Oscar 2020 incrociando le previsioni della critica americana

  • Palma d’Oro per il miglior film: Parasite di Bong Joon-ho

parasite awards

Il consueto rifiuto di Joon-ho Bong ad adattarsi agli stretti parametri di un genere particolare ha contribuito ancora una volta a lasciare un segno indelebile nella memoria dei giurati che gli hanno tributato la Palma d’oro. Riuscirà la sua pellicola ad entrare nella Stagione dei premi americana? Con i suoi precedenti lavori era riuscito ad intercettare i gusti della critica statunitense: Mother (candidato per la miglior sceneggiatura agli Alliance of Women Film Journalists Awards, come miglior film straniero agli Spirit Awards) e Snowpiercer (candidato per il miglior adattamento ai premi assegnati dall’Associazione dei critici dell’Ohio, della Georgia, della Carolina del Nord e di San Francisco. Senza dimenticare la nomination agli International Cinephile Society Awards). Con questo film andrà più avanti?

  • Grand Prix Speciale della Giuria: Atlantique (Francia/Senegal) di Mati Diop

atlantique award season
Con questo premio la Giuria ha voluto premiare il suo approccio originale nel trattare questioni complesse come l’amore, la perdita, il riscatto attraverso una soggettività inedita e sfumata.

  • Premio alla regia: Le Jeune Ahmed (Jean-Pierre & Luc Dardenne)

Le-jeune-Ahmed.jpg

Le jeune Ahmed con questo premio salgono le probabilità per i fratelli Dardenne di concorrere per la 4a volta agli Oscar in rappresentanza del Belgio per la categoria miglior film straniero dopo averci provato ben 3 volte ma senza mai ottentere la candidatura (Rosetta, 2000 – Il figlio, 2003 – Due giorni, una notte, 2015)

  • Premio della Giuria: Les Miserables di Ladj Ly  (ex-aequo)

Les Miserables di Ladj Ly (Francia) award seasonLadj Ly ha avuto il coraggio di raccontare una storia cruda e realistica fatta di crescente tensione tra un gruppo di poliziotti e la comunita musulmana oppressa nella Parigi moderna con un chiaro parallismo alle “inserruzioni” che hanno recentemente messo in ginocchio la capitale francese. Sarà questo il film che la Francia proporrà per gli Oscar 2020? L’anno scorso fu scelto, in polemica con Assayas che proponeva la pellicola Il gioco delle coppie, come proprio rappresentante il melodramma bellico La doleur di Emmanuel Finkiel che però non è riuscito ad entrare nella short list finale.

  • Premio della Giuria: Bacurau di Kleber Mendonça Filho & Juliano Dornell

Bacurau di Kebler Mendonca Filho award season

E’ una coproduzione franco-carioca, in lingua portoghese, è una parabola avvelenata sul sentimento anti capitalista con uno stile irregolare e disordinato che ha lasciato inizialmente la critica confusa per questa sua intenzionale incoerenza che però ha un suo ruolo ben preciso nel raccontare la resistenza sanguinosa di una piccola comunità brasiliana fuori dalle mappe e dal tempo. La designazione del film da portare agli Oscar non è così facile come negli altri Paesi considerando le ingerenze politiche che hanno impedito al meraviglioso film Aquarius (Palma d’Oro nel 2016) di essere scelto come proprio rappresentate, interpretato successivamente come possibile atto di ritorsione dal governo di quegli anni. In ogni caso è dal 1999 che il Brasile non ottiene la nomination agli Oscar (era l’anno di Central do Brasil che conquistò la candidatura come miglior film straniero e come miglior attrice).

  • Special Mention: Elia Suleiman (It Must Be Heaven)

It Must Be Heaven
Con questo premio la stralunata commedia diretta dal regista palestinese Elia Suleiman potrebbe essere scelta dal suo Paese per entrare nella corsa agli Oscar nella categoria miglior film straniero dopo la delusione del 2002 quando il film Intervento Divino (vincitore del Gran Premio della Giuria a Cannes) fu ritenuto dagli Academy ineleggibile, per poi estendere nel 2004 anche alla Palestina il diritto di partecipare alla selezione degli Oscar. Chissà magari questo premio regalerà alla Palestina la 3 nomination della sua filmografia dopo quelle ottenuta nel 2006 con Paradise Now e nel 2014 con Omar entrambi diretti da Hany Abu-Assad.

  • Premio alla Sceneggiatura (Prix du scénario): Portrait of a Lady on Fire di Celine Sciamma

Portrait of a Lady on Fire award seasonUna storia d’amore dai toni saffici con i quali la regista Celine Sciamma racconta
tutte le possibili varianti della vita di una donna che in questo film sono “sfruttate, incluse, interpretate”. In siffatto contesto prende vita una tormentata e sorprendente intima laison tesa come una ragnatela di vetro, e al tempo stesso cosi fragile nella sua tessitura. La Sciamma si è già avvicinata all‘Award Season americana grazie al film Girlhood che gli ha permesso di conquistare una nomination come miglior film internazionale agli Spirit Awards 2016. Tenendo bene a mente che ha fatto parte anche del team sceneggiatori del film d animazione La mia vita da zucchina, candidata agli Oscar nel 2017 per il miglior film d’animazione. A fronte di questo riconoscimento a Cannes sarà questa la scelta della Francia per i prossimi Oscar? Le condizioni ci sono tutte soprattutto se pensiamo che ad accappararsi i diritti per la distribuzione americana si è fatta avanti la Neon proprio in vista della prossima Award season.

  • Premio per la migliore interpretazione femminile (Prix d’interprétation féminine): Emily Beecham (Little Joe)

Little Joy jessica hausner

Non poteva di certo passare inosservato il lavoro di Jessica Hausner Little Joy ambientato in un futuro distopico e trainato da un concept disarmante sulle paure contemporanee circa il declino dei sentimenti. Con questo premio la pellicola potrebbe essere scelta dalla Comissione austriaca per rappresentare il proprio Paese ai prossimi Oscar a distanza di 7 anni dalla vittoria come miglior film straniero di Amour di Michael Haneke.

  • Premio della miglior interpretazione maschile (Prix d’interprétation masculine): Antonio Banderas (Dolor y Gloria)

dolor y gloria award season

Vincendo questo premio aumentano per questo patchwork malinconico e autoriflessivo di grande autenticità le possibilità che venga scelto dall’Accademia del cinema iberico per rappresentare la Spagna ai prossimi Oscar nonostante il rapporto odio/amore con il regista e la commissione nazionale. In tal senso anche se sono 6 le volte in cui un suo film è stato selezionato per gli Academy, nel 2003 è accaduto qualcosa che ha creato una profonda spaccatura (poi ricucita nel 2017 con Julieta che però non fu candidato agli Oscar). Ebbene in quell’anno l’Accademia propose per gli Oscar I lunedi al sole di Fernando Leon De Aranoa che fu però snobbato dagli Academy, mentre lo “sconfitto” Parla con lei non solo ottenne la nomination per la miglior regia ma riuscì anche a vincere l’Oscar per la miglior sceneggiatura. Di conseguenza quest’anno non ha solo la possibilità di concorrere nella categoria miglior film internazionale ma anche in quella per la miglior sceneggiatura e perché no anche per il miglior film (Cuaron docet)

  • Queer Palm: Portrait of a Lady on Fire di Celine Sciamma
  • Caméra d’or all’opera prima: Nuestras Madres (César Díaz)

miglior cortometraggio cannes 2019

  • Special Mention of the Jury per il miglior cortometraggio: MonstruoDios (Agustina San Martín)
  • Palme d’or per il miglior cortometraggio: The Distance Between Us And The Sky (Vasilis Kekato)