Entro martedì 1 ottobre 2019 la Commissione di Selezione indetta dall‘Anica avrà l’arduo compito di scegliere il candidato italiano che concorrerà per la categoria Miglior film internazionale per gli Oscar 2020. In attesa di conoscere il loro verdetto ma soprattutto aspettando l’annuncio della rosa di candidati che possono ambire a questa designazione, avanzano le ipotesi su quale film “dovrebbe” essere scelto per poter avere più chance di candidatura. Tenendo bene a mente che quest’anno sarà ancora più difficile considerando teste di serie come Pedro Almodovar con il suo biografico Dolor y Gloria per la Spagna e Parasite di Bong Joon-ho, fresco vincitore della Palma d’Oro a Cannes, in rappresentanza della Korea del Sud (a patto che siano scelti dai rispettivi Paesi come potenziali competitori).
best international feature film predictions Oscar 2020
La scelta di questa Commissione di Selezione negli ultimi anni si è rivelata “lontana” dai gusti degli Academy. Basti pensare che non riusciamo a conquistare la nomination in questa categoria dal 2014 e cioè da quando Paolo Sorrentino vinse la statuetta con La grande bellezza). Questo è accaduto perchè alla base c’è un errore oggettivo da parte di questa Commissione che nel corso degli anni si è limitata a scegliere pellicole “solo” sulla base del loro merito artistico. Ignorando che in realtà occorre scegliere in maniera strategica, e quidi non solo il film più bello ma anche quello le cui tematiche possano essere percepite con maggior sensibilità dagli Academy i cui gusti e le cui aspettative sono spesso diverse dalle nostre.
La grande bellezza oscar 2014
A tali difficoltà nella scelta del film da selezionare per gli Oscar si aggiungono altri “ostacoli” di natura tecnica, dato che le pellicole candidabili per il miglior film internazionale (almeno in Italia) sono in realtà delle auto-candidature. Di conseguenza questi film da valutare non sono scelti da un gruppo di critici, ma sono semplicemente quelli che hanno “proposto” la propria candidatura pagando una quota. Senza dimenticare che molto spesso i registi più rinomati tendono a ritirarsi dalla corsa per favorire altri colleghi in uno scambio di favori che non ha nulla a che fare con la competizione vera e propria.

best international feature film

Oscar 2020: quali sono le regole della categoria miglior film internazionale?

A parte il passaggio nominativo da Miglior film straniero a Miglior film internazionale in un’ottica di inclusione, questa categoria resta invariata con le sue complesse regole che continuano a rendere la selezione piuttosto intricata, considerando che il suo sistema di voto è molto diverso da quello impiegato per le altre categorie. Su questa lunghezza d’onda va ricordato che fino a qualche anno fa’, la prima fase di votazioni era determinata da un gruppo di comitati divisi per colori (rosso, bianco, blu e verde). I votanti dovevano aver visto almeno l’80% dei film assegnati al rispettivo comitato (ciò voleva significare che i giurati non riuscivano a vedere tutti i film candidati, ma tendevano a preferire i più famosi o i meglio promossi)
Da 2 anni a questa parte il meccanismo dei comitati è stato abolito. Tutti i film vengono assegnati a ciascun membro partecipante alla prima fase di votazione, in modo che tutti i film abbiano la stessa visibilità, anche quelli meno pubblicizzati. Dopo la votazione, la Commissione degli Oscar seleziona altri 3 film meno noti che verranno poi aggiunti ai 6 selezionati nella prima fase (short-list), con lo scopo di rendere più ricca e variegata la scelta per la seconda fase di votazione, laddove poi verranno mostrati i nove film ai 30 membri dell’Academy a New York, Londra e Los Angeles (10 in ogni città). Saranno questi ultimi a scegliere i 5 film candidati nella categoria miglior film internazionale. Facile no?

oscar miglior film straniero

Oscar 2020: quale film potrebbe rappresentare l’Italia?

Ecco i film italiani, la cui distribuzione sul territorio nazionale rientra nel range stabilito dagli Academy e cioè dal 1° ottobre 2018 al 30 settembre 2019, e che secondo noi hanno maggiori chance di entrare nella corsa agli Oscar 2020 in ordine di aspettativa da parte della critica americana.

il-traditore-best-international-feature-film

Il Traditore

sulla carta il film di Marco Bellocchio è il favorito numero uno dopo la meritata attenzione da parte della critica internazionale durante l’ultimo Festival di Cannes al quale ha partecipato nella Selezione Ufficiale. Tenendo bene a mente che la pellicola è stata anche selezionata per due importanti Festival che rientrano nel circuito dell’Award Season: il New York Film Festival e il Mill Valley Film Festival, segno della forte aspettativa da parte dei distributori americani verso questo film. Senza dimenticare che Il traditore ha finora raccolto importanti riconoscimenti nel nostro Paese, come 2 Globi d’oro (miglior colonna sonora, miglior film), il premio per la miglior sceneggiatura al Flaiano Film Festival e 7 Nastri d’argento (miglior attore non protagonista, miglior attore, miglior colonna sonora, miglior montaggio, miglior sceneggiatura, miglior regia, miglior film) anticipando la sua potenziale leadership ai prossimi David di Donatello.

piranhas-best-international-feature-film

La paranza dei bambini

il quarto film di Claudio Giovannesi (La casa sulle nuvole, Alì ha gli occhi blu, Fiore), il cui titolo inglese è l’accattivante Piranhas, tratto dal romanzo La paranza dei bambini di Roberto Saviano, può contare sulla sua matrice neorealista che da sempre continua a sedurre la critica americana. A ciò si aggiunge un riconoscimento internazionale come il premio per la miglior sceneggiatura all’ultimo Festival di Berlino, senza dimenticare quello vinto al BIFEST per il lavoro dei tre sceneggiatori (Maurizio Braucci, Claudio Giovannesi e Roberto Saviano). Ha al suo attivo anche 1 Nastro d’argento per la miglior fotografia e 3 Ciak d’oro (miglior attore rivelazione, miglior fotografia, miglior sonoro in presa diretta).

martin-eden-best-international-feature-film

Martin Eden

l’aspettativa negli States e in generale nel circuito dell’Award Season per questo terzo adattamento del classico di Jack London è altissima. Basti pensare che la pellicola firmata dal documentarista Pietro Marcello è stata selezionata per il Toronto International Film Festival (oltre che per il NYFF) nel quale solitamente vengono presentati molti film che saranno protagonisti della Stagione dei Premi americana. A tal proposito va ricordato che l’anno scorso l’unico premio del Festival e cioè quello del pubblico, lo ha vinto Green Book preparando così la sua strada verso gli Oscar. Il film sarà proiettato in anteprima mondiale al prossimo Festival di Venezia dove concorrerà nella Sezione Ufficiale per poi uscire nelle sale italiane il 4 settembre.

il-vizio-della-speranza-best-international-film-feature

Il vizio della speranza

dopo il successo di critica e pubblico ottenuto dalla sua opera precedente (Indivisibili), Edoardo De Angelis ci “riprova” con un film che ha tutti i requisiti per sedurre gli Academy, complice una trama appassionante e realista, supportata da un notevole cast (Marina Confalone su tutti) capace di dare un grande spessore umano alla storia raccontata. Al suo attivo la pellicola ha non solo il David di Donatello vinto per la miglior attrice non protagonista, ma anche 2 Ciak d’Oro (miglior attrice non protagonista, miglior colonna sonora), 3 Nastri d’Argento (miglior attrice non protagonista, miglior scenografia, miglior canzone) oltre a due importanti premi conquistati al Tokyo International Film Festival (miglior attrice, miglior regia).

capri revolution best international feauture film

Capri Revolution

diciamolo subito: sarebbe un sogno vedere un film del maestro Mario Martone in lizza per gli Oscar indipendentemente se riesca o meno ad entrare nella cinquina, dato che non ha mai avuto questo onore! In ogni caso Capri Revolution potrebbe avere l’appeal necessario per fare breccia nel cuore degli Academy per la sua impronta verista. Presentato con successo a Venezia75 dove ha vinto il premio Pasinetti e il premio Lizzani, è poi riuscito a conquistare 2 David di Donatello (miglior musica, miglior costumi) e 2 Ciak d’Oro (miglior regia, miglior attrice) oltre a 7 nomination ai Nastri d’Argento.

valeria-golino-euforia-set1-758x505

Euforia

anche se ha meno chance dei film finora descritti, resta uno dei migliori film italiani della stagione. Presentato con successo nella sezione Un Certain Regard della scorsa edizione del Festival di Cannes, Euforia ha poi conquistato numerose nomination tra i vari premi italiani: dalle 8 candidature ai David di Donatello alle 2 candidature ai Ciak d’oro, fino alle 8 candidature ai Nastri d’Argento. A ciò si aggiunge che la Golino (regista) oltre che attrice gode di una buona popolarità negli States, anche se però il film non ha ancora avuto una distribuzione. Sarà questa l’occasione giusta?

vivere best international feature film

Vivere

anche se non è ancora uscito nelle sale italiane, Vivere con Micaela Ramazzotti e Adriano Giannini, ha tutte le carte in regola per entrare nella corsa dato che la sua uscita (26 settembre) rientra perfettamente nel range imposto dagli Academy sui film che possono essere candidati (1°ottobre/30 settembre). Una prova importante ci sarà al prossimo Festival di Venezia dove parteciperà fuori concorso con una proiezione in antemprima mondiale. Il giudizio dei critici sarà molto importante per stabilire il suo eventuale potenziale per gli Oscar. Non sarebbe la prima volta per l’Archibugi, dato che già nel 1994 fu scelta per rappresentare l’Italia agli Oscar con il suo meraviglioso film Il grande cocomero, ma senza riuscire ad ottenere la nomination.

dafne-best-international-feature-film

Seguono gli outsider, e cioè i film che sulla carta hanno meno chance rispetto a quelli già citati, ma che secondo noi meriterebbero un’occasione così prestigiosa e chissà magari riuscirebbero ad incuriosire i membri dell’Academy per la loro originalità, creatività e umanità. Tra questi spiccano Dafne di Federico Bondi (premio FIPRESCI assegnato dalla critica internazionale all’ultima edizione del Festival di Berlino), Il primo Re di Matteo Rovere (vincitore del Ciak d’Oro per la miglior fotografia, di 3 Nastri d’Argento per il miglior produttore, miglior fotografia, miglior suono in presa diretta), Troppa Grazia di Giuseppe Zanasi (Label Europa Cinemas all’ultimo Festival di Cannes).

What You Gonna Do When the World's on Fire
Tra i documentari le speranze italiane sono riposte nel pluripremiato What You Gonna Do When the World’s on Fire di Roberto Minervini, dopo aver vinto il premio come miglior documentario al London Film Festival e conquistato numerosi riconoscimenti nei vari Festival a cui ha partecipato nella sezione ufficiale dal Festival di Venezia al Munich Film Festival, dal Mar del Plata Film Festival alla Viennale.

Non resta che aspettare PRIMA l’annuncio dei film italiani candidabili e poi il verdetto dell’ANICA nella speranza che quest’anno si punti ad un film che non sia solo bello, ma che sia anche un potenziale vincitore! Ricordando che la Cerimonia di consegna degli Oscar si terrà a Los Angeles quest’anno domenica 9 febbraio 2020, mentre l’annuncio delle nomination è previsto per il 13 gennaio 2020. W il cinema italiano!