Sulla base dei premi assegnati durante l’Award Season tra cui gli Hollywood Film Awards, i Gotham Independent Film Awards, i National Board of Review, i New York Film Circle Critics Awards, i Los Angeles Film Critics Association Awards, Detroit Film Critics Society Awards, i Washington DC Area Film Critics Association Awards, i Boston Online Film Critics Association Awards, Boston Society of Film Critics Awards, i Toronto Film Critics Awards, i New York Online Film Critics Awards, i San Francisco Film Critics Awards, i Phoenix Critics Circle Awards, i Dallas Fort-Worth Film Critics Association Awards, i Chicago Film Critics Association Awards, gli African American Film Critics Association Awards, i British Independent Film Awards, i San Diego Film Critics Society Awards, i Black Film Critics Circle Awards, i North Texas Film Critics Association Awards, i Las Vegas Film Critics Society Awards, gli Indiana Film Journalists Association Awards, i Phoenix Film Critics Society Awards, i Seattle Film Critics Society Awards, i Southeastern Film Critics Association Awards, i St.Louis Film Critics Association Awards, i Kansas City Film Critics Circle Awards, gli Uthah Film Critics Association Awards, i Vancouver Film Critics Circle Awards, gli Annual Online Film Critics Society Awards, i Florida Film Critics Circle Awards, i Nevada Film Critics Society Awards, i North Carolina Film Critics Association Awards, gli Oklahoma Film Critics Association Awards, i Columbus Film Critics Association Awards, i National Society of Film Critics Awards, gli Houston Film Critics Society Awards, i Golden Globe, gli Alliance of Women Film Journalists EDA Awards, gli Austin Film Critics Association Awards, gli Iowa Film Critics Association Awards, i Georgia Film Critics Association Awards, i Critics Choice Movie Awards, i Denver Film Critics Society Awards, i London Film Critics Circle Awards, i SAG Awards, i Satellite Awards, i BAFTA, gli Independent Spirit Awards abbiamo elaborato le previsioni sul nome del miglior attore che avrebbe vinto l’Oscar 2018 (la classifica è stata aggiornata dopo ogni premio assegnato):

darkest hour

1. GARY OLDMAN (Darkest Hour)

Grazie alla vittoria ai SAG Awards, ai Golden Globe e ai Critics Choice Movie Awards, ai BAFTA, oltre che ai Satellite Awards, ai Washington DC Area Film Critics Association Awards, ai Dallas Fort-Worth Film Critics Association Awards, ai New York Online Film Critics Awards, ai Black Film Critics Circle Awards, ai North Texas Film Critics Association Awards, ai Phoenix Film Critics Society Awards, ai Southeastern Film Critics Association Awards, ai St.Louis Film Critics Association Awards, agli Annual Online Film Critics Society Awards, ai Nevada Film Critics Society Awards, ai North Carolina Film Critics Association Awards, agli Oklahoma Film Critics Association Awards, ai Columbus Film Critics Association Awards, agli Alliance of Women Film Journalists EDA Awards, agli Iowa Film Critics Association Awards, ai Denver Film Critics Society Awards Gary Oldman ha vinto l’Oscar 2018 per la sua interpretazione nel biopic su Winston Churchill, Darkest Hour. Aveva già ottenuta una candidatura come miglior attore protagonista per il suo ruolo nel film La talpa di Tomas Alfredson.

Timothée Chalamet (Call Me By Your Name)

2. Timothee Chalamet (Call Me By Your Name)

Grazie alla sua vittoria agli Independent Spirit Awards, New York Film Circle Critics Awards, ai Boston Online Film Critics Association Awards, ai Los Angeles Film Critcs Association Awards, ai Chicago Film Critics Association Awards, ai Phoenix Critics Circle Awards, ai Florida Film Critics Circle Awards, ai Kansas City Film Critics Circle Awards, agli Austin Film Critics Association Awards, ai London Film Critics Circle Awards come miglior attore, Timothée Chalamet ha ottenuto la sua prima nomination agli Oscar grazie al suo ruolo nell’apprezzato film di Luca Guadagnino Call me by your name. Per questa pellicola ha già vinto i premi come miglior rivelazione agli Hollywood Film Awards, ai National Board of Review, ai San Diego Film Critics Awards, ai Gotham Independent Film Awards, ai BAFTA oltre ad aver ottenuto la nomination agli Independent Spirit Awards, ai SAG Awards.

daniel day lewis oscar 2018

3. Daniel Day-Lewis (Phantom Tread)

Il 3 volte premio Oscar Daniel Day Lewis ha conquistato la 6a nomination agli Oscar della sua carriera grazie alla sua ultima e attesa interpretazione nel film Phantom Thread di Paul Thomas Anderson. Per questo ruolo ha vinto il Seattle Film Critics Society Award, il Toronto Film Critics Award, il Vancouver Film Critics Circle Award, oltre ad aver ottenuto una nomination ai Satellite Awards, ai BAFTA. Cresce particolare aspettativa nei confronti di questo film, soprattutto perchè Daniel ha dichiarato che sarà l’ultima pellicola che girerà. Una notizia scioccante considerando il grande contributo che Day Lewis ha dato al cinema contemporaneo. Memorabili le sue interpretazioni nei film Il mio piede sinistro, Il petroliere, Lincoln (tutte e tre premiate meritatamente con l’Oscar), senza dimenticare le pellicole per cui ha ottenuto solo la nomination come Nel nome del padre e Gangs of New York.

Daniel Kaluuya

4.  Daniel Kaluuya (Get Out)

Per Daniel Kaluuya è arrivata la prima nomination all’Oscar della sua carriera per la sua interpretazione nel film rivelazione dell’anno Get Out, dopo aver vinto per questo ruolo il Boston Society of Film Critics Award, l’ African American Film Critics Association Award, il Las Vegas Film Critics Society Award, il National Society of Film Critics Award, il Georgia Film Critics Association Award, il London Film Critics Circle Award (come miglior attore britannico-irlandese) e ottenuto una nomination ai BAFTA agli Independent Spirit Awards.

maxresdefault

5. Denzel Washington (Roman J. Israel, Esq)

Nonostante sia stato escluso dai premi della critica americana oltre che dai BAFTA, Denzel Washington ha comunque ottenuto una nomination agli Oscar dopo aver conquistato una candidatura sia ai SAG Awards che ai Golden Globe. Per Washington si tratta della sua 8a nomination agli Oscar dopo averlo vinto per ben 2 volte: nel 1990 per Glory – Uomini di gloria e nel 2002 per Training Day.


ESCLUSI

James Franco (The Disaster Artist)

James Franco (The Disaster Artist)

Snobbato a sorpresa nonostante avesse vinto il Golden Globe per un ruolo brillante e il Critics Choice Movie Award, oltre che a trionfare ai Gotham Awards, ai Detroit Film Critics Society Awards, ai Nevada Film Critics Society Awards, agli Houston Film Critics Society Awards oltre al 2°posto ottenuto ai Los Angeles Film Critics Association Awards per l’interpretazione nel film da lui diretto The Disaster Artist. Per il suo ruolo nel film Franco aveva ottenuto anche una nomination agli Independent Spirit Awards, ai SAG Awards e ai Satellite Awards oltre ad aver vinto il premio come miglior film al Festival internazionale del cinema di San Sebastián.

tom hanks oscar 2018

Tom Hanks (The Post)

La vittoria ai National Board of Review e la nomination conquistata ai Critics Choice Movie Awards e ai Golden Globe non sono servite a Tom Hanks per ottenere la sua 6a nomination agli Oscar come miglior attore per il film The Post di Steven Spielberg, dopo l’esclusione dai Satellite Awards, dai SAG Awards e dai BAFTA. Hanks ha vinto l’ambita statuetta per due anni consecutivi (Philadelphia e Forrest Gump) uguagliando il record di Spencer Tracy che vinse anche lui 2 Oscar consecutivi sia nel 1938 con Capitani Coraggiosi e sia nel 1939 con La città dei ragazzi.

stronger

Jake Gyllenhaal (Stronger)

Con la sua esclusione sia dai Golden Globe che dai SAG Awards e dai BAFTA era piuttosto prevedibile la sua esclusione dalla cinquina degli Oscar per il miglior attore nonostante avesse vinto l’Hollywood Film Award oltre alle nomination conquistate ai Critics Choice Movie Awards e ai Satellite Awards. Per lui non è dunque arrivata la 2a nomination della sua carriera dopo averla ottenuta nel 2006 come supporter per I segreti di Brockeback Mountain.